14 ago 2013

Elogio della tenacia

Gli altri articoli erano sempre, più che altro, aggiornamenti su presentazioni, lavori, pubblicazioni.
Stavolta invece voglio fare un piccolo elogio della tenacia.
Elogio tutti quegli scrittori o persone (me compreso) che non si fermano mai davanti a niente, soprattutto quando si tratta della prima categoria. Sappiamo tutti quanto sia difficile, quanti ostacoli ci siano, tra editori sciacalli che chiedono migliaia di euro per farti realizzare un sogno (già, perché pubblicare un libro è prima di tutto un sogno. Il guadagno sta forse oltre il decimo posto di una lunga serie di motivi per i quali si sceglie di pubblicare), e quelli che criticano ogni parola che tu scriva, che cercano di buttarti a terra, così che possano finalmente guardarti dal loro livello.
Un postaccio: ecco cosa è il mondo di uno che si accinge a scrivere. Un mondo fatto per lo più di delusioni e occasioni non tanto perse, ma proprio mai presentatesi.